GIORGIO CAVAZZANO. UNA VITA TRA I PAPERI

GIORGIO CAVAZZANO. UNA VITA TRA I PAPERI

Biografia

Gli autori più grandi, specialmente nell’ambito delle arti visuali, sono quelli che riescono a creare, per mezzo delle proprie opere, un canone stilistico che li renda immediatamente riconoscibili, facendo di loro dei punti di riferimento per tanti altri disegnatori. Per comprendere la straordinarietà di Giorgio Cavazzano, nato a Venezia nel 1947, sarà utile riflettere sul fatto che a lui questa difficilissima operazione è riuscita cimentandosi con un universo dalle regole già in gran parte prefissate e, almeno fino al suo avvento, anche abbastanza rigide: il microcosmo del fumetto disneyano. Come ha ben notato il critico Enrico Fornaroli, Cavazzano ha portato a compimento «un difficile innesto fra la tradizione del cartooning statunitense, tutta giocata sulla simulazione deformata dell’umanità in un universo animale, e la grande scuola franco-belga che predilige la deformazione parodica del reale». Dopo avere a lungo inchiostrato le tavole di Romano Scarpa, che può essere considerato il suo maestro, Cavazzano ha iniziato a disegnare in proprio – a partire dalla fine degli anni Sessanta e su testi di alcuni tra i migliori sceneggiatori italiani – un gran numero di episodi con protagonisti i personaggi della Disney. Immettendo nel mondo di questi ultimi le influenze grafiche di fondamentali artisti del fumetto come Moebius e Sergio Toppi, ma soprattutto l’esplosività e la forza cinetica del creatore grafico di Asterix, il formidabile Albert Uderzo, Cavazzano ha saputo diventare un modello pressoché imprescindibile per tutti coloro che, dopo di lui, hanno scelto di misurarsi con i caratteri disneyani e in particolar modo con i paperi.

 

All session by GIORGIO CAVAZZANO. UNA VITA TRA I PAPERI

Visita le mostre di Sanremo Comics

16:00-20:00
Sala museale, Palafiori